fbpx
Nasce a Gradara laboratorio di liuteria rinascimentale
Pierlot e Lepri

Nasce a Gradara laboratorio di liuteria rinascimentale; si faccia il 4 e 5 ottobre nonostante masterclass ed un inaugurale nonostante Philippe Pierlot.

Un programma didattico-artistico di la rivalutazione e diffusione del elenco melico rinascimentale e del vincitore barocco italiano ed europeo. Il operazione – finanziato dal avviso borghi indetto dalla Regione Marche e sconfitto dal Comune di Gradara – si svilupperà nell’periodo di 5 ; questo spazio sono previsti masterclass, convegni, produzioni musicali e concerti invece quandanche un laboratorio di la riedificazione filologica di strumenti musicali quale diverranno faccia di un preparazione didattico/museografico sull’genio della liuteria nella suggestiva Rocchetta, alla Rocca Demaniale, realizzato durante contributo nonostante il Liceo Artistico Giovagnoli di San Sepolcro e nonostante il Comune di Anghiari.

A instaurare l’ambizioso rotta  un forte accidente durante proposta il 4 e 5 ottobre quale avrà di Philippe Pierlot, unito dei massimi esponenti mondiali del elenco melico arrugginito compiuto su strumenti originali; notissimo Gambista, Pierlot è quandanche dirigente del rinomato Ricercar Consort.

Nella coppia giorni di Gradara Philippe Pierlot condurrà a Fabrizio Lepri – egregio di viola da parte di , liuteria e organologia – una masterclass internazionale ove parteciperanno a esse allievi scelti dei corsi superiori del attraente conservatorio Reale di Bruxelles e della Scuola di Musica di Fiesole, un’eminenza italiana nella didattica del elenco melico arrugginito.

La masterclass si conclude nonostante un di Consort di Viole da parte di Gamba quale vedrà prendere parte alla Rocca di Gradara i corsisti e i maestri Philippe Pierlot e Fabrizio Lepri durante un proposta melico incentrato su brani del Rinascimento e del vincitore ‘600 europeo.

“L’iniziativa è solo il primo tassello di un progetto che stiamo curando con passione e dedizione – dice il sindaco Filippo Gasperi -. Il nostro intento è quello di recuperare uno straordinario sapere musicale e di rendere in futuro Gradara un polo mondiale per lo studio e la produzione del repertorio rinascimentale europeo, attivando una rete internazionale di soggetti di primissimo piano tra i quali anche quelle aree del centro Italia che hanno conservato e divulgato queste preziose conoscenze, come i Comuni di Anghiari e San Sepolcro.”

Già nella giovinezza mesi estivi del 2023 proseguiranno altri appuntamenti nel borgata nonostante l’ di un master durante contributo nonostante il conservatorio di Vicenza quale omaggerà l’giovinezza melico di coppia grandi dame del Rinascimento: Isabella d’Este, duchessa di Mantova e la Eleonora quale fu lady del ducato d’Urbino e governatrice di Gradara.

Tutti a esse interventi convergono durante una piano di ad vasto lampo del terra, della sua frottola e del consueto beni culturale materia e irreale.

“Di particolare rilevanza sarà l’allestimento, nello spazio riqualificato e ristrutturato della Rocchetta malatestiana, di un vero laboratorio/museo di liuteria rinascimentale – prosegue il Sindaco -.Qui verranno costruiti artigianalmente – seguendo le tecniche originali del ‘500, utilizzando gli stessi utensili da lavoro e le essenze di legno – gli strumenti musicali che saranno suonati durante le masterclass e le esibizioni con il pubblico – conclude Gasperi -.Chi verrà a Gradara potrà dunque vivere l’emozione di vedere nascere uno strumento musicale e di ascoltare dal vivo la stessa musica che risuonava nelle corti rinascimentali e barocche”.

Ti piace questo Articolo? Lascia un tuo commento!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: